Raccomandazioni per l'Assistito - Rete Medica Melegnano Sud

Bookmark and Share
Vai ai contenuti

Raccomandazioni per l'Assistito

Carta dei Servizi


Nella dinamica di un corretto rapporto di fiducia verso il proprio medico di famiglia, sono qui specificate alcune raccomandazioni per l'assistito.

  • Rispettare l'indipendenza professionale del medico;

  • Considerare la prescrizione di farmaci come atto professionale del medico, rispettando le decisioni da esso prese sia nella quantità sia nella qualità.

  • Non sollecitarlo alla prescrizione di medicine, esami non in linea con le leggi regionali o nazionali, come ad esempio la prescrizione di farmaci al di fuori delle indicazioni fornite dal ministero della sanità attraverso le note della Commissione Unica del Farmaco (C.U.F.) o l'applicazione del "bollino" regionale per le prestazioni non rimandabili.

  • Specialmente per la prescrizione farmaceutica, il medico è vincolato dalle norme nazionali e regionali (esenzioni per patologia, per invalidità, applicazione del ticket regionale sul farmaco, ecc.). Il medico ben conosce e regolarmente applica tali normative, pur condividendo con il paziente la gravosità di tali norme burocratiche ed economicamente importanti.

  • Ad esempio, il medico deve attenersi rigorosamente a prescrizioni (nel senso di "giornate di terapia" complessive) per periodi non superiori a 60 giorni.

  • Non pretendere la trascrizione automatica di proposte (accertamenti, farmaci) fatte da specialisti cui il paziente si è rivolto spontaneamente e non perché inviato dal proprio curante (in questo modo ponendosi al di fuori del Servizio Sanitario Nazionale).

  • Non incalzarlo a trascrivere accertamenti o visite consigliate da altri medici, quando egli non le ritenga necessarie e opportune per la salute dell' assistito;

  • Non richiedere certificati o impegnative per esami e visite già eseguite o prenotate in modo autonomo.


Occorre ricordare che l'invio alle visite specialistiche, definite di secondo livello, è possibile - con poche eccezioni - solo su prescrizione del Medico di Medicina generale. Ma anche lo specialista ha alcuni obblighi nei confronti dell' assistito che a lui si rivolge, inviato dal proprio medico. Egli. infatti, deve provvedere direttamente alla prescrizione di ulteriori indagini o visite a lui necessarie per definire meglio il problema clinico del paziente.


Torna ai contenuti